Guardando le nostre liste dei migliori aspirapolvere qualcuno potrebbe pensare che siamo particolarmente ‘buoni’ nei confronti di marche come Electrolux o Severin, non particolarmente conosciute senza un buon grado di ‘immersione’ nel mondo degli aspirapolvere. Beh, sappiate che questa… è la prova che quel qualcuno si sbaglia :). Ma non è mia intenzione spoilerare il giudizio finale (chi rivela il finale di certi film merita di finire in qualche girone dell’inferno): addentriamoci nella recensione di questo Electrolux ZUFFlexa.



Costruzione ed Ergonomia


Un piccolo pregio, un piccolo difetto, il resto completamente neutrale: è così che riassumerei il contenuto di questo paragrafo. Da quale volete iniziare?

Ok decido io, il pregio: il raggio d’azione di questo Electrolux è strabiliante, ben 12m; se la memoria non mi inganna è il raggio d’azione più grande tra gli aspirapolvere recensiti finora. Good job. Perché l’ho chiamato ‘piccolo’? Perché comunque esistono le prolunghe, dai… Non puoi basare il tuo marketing sul fatto che il filo è lungo.

Difetto: è grande, più grande della media. Non è un difetto ‘grosso’ perché se questo mi permette di avere un contenitore più capiente o un motore più potente, ben venga (non è questo il caso: sono entrambi nella media). Non è un difetto ‘grosso’ perché si può riporre in verticale, risparmiando parecchio spazio.

Il resto? Ergonomia nella media, maneggevolezza anche. Materiali buoni (ma a questo prezzo sarebbe grave altrimenti!).


Accessori e Design


Anche qui parto subito con i pregi: la spazzola FlexPro (che probabilmente dà il nome a questo prodotto). È una comune spazzola (quindi utilizzabile su pavimenti duri, ma anche su superfici delicate), eccetto per il fatto che è quasi piatta e snodabile a 180°. È un’aggiunta che vedo raramente nel parco accessori di un aspirapolvere, ma che secondo me è essenziale; ci permette di arrivare nei posti più impensabili, come la zona interna del di sotto di un letto matrimoniale: sotto al mio si era creata una colonia di polvere, che questo Ultraflex ha prontamente ‘sterminato’.

È sicuramente fragile come spazzola, proprio a causa di questo meccanismo di snodabilità, per cui trattatela bene: sarà una valida alleata nel combattere lo sporco.

Ed ora veniamo alla parte meh: il resto degli accessori. Spazzola principale AeroPro Silent (che silent non è): doppia modalità, bla bla bla, classica. Accessorio 3 in 1 (imbottiti, fessure, mobilio), comodo il fatto che sia tutto compreso in un accessorio. Spazzola per parquet. Tutto è al posto giusto, tutti fanno il proprio lavoro.

Sul design sorvolo: è un inno all’anonimità.


Funzionamento


Questo Electrolux ZUFFlexa Ultraflex è un aspirapolvere ciclonico con un contenitore di 1.6L (nella media) agilmente svuotabile: questo non vi impedirà di entrare in contatto con la polvere (come farebbe un aspirapolvere con sacco), per cui gli allergici siano avvertiti.

Anonimo Lato A

Ciononostante il lavoro fatto a livello di filtraggio è buono: un HEPA 12 ci protegge da una grande quantità di polvere potenzialmente riemessa nell’aria. Ok sì non è l’ultimo modello, ma… cambia veramente poco, specie considerando la polvere a cui vi esponete quando svuotate il contenitore (cioè ricercare la perfezione in termini di filtri è ragionevole solo in un aspirapolvere con sacco).

Tripla A…. Eccetto il fatto che una A è per il consumo energetico. La lista dei ‘voti’ invece è A (per il grado di riemissione delle polveri), A (per l’efficienza di pulizia sui pavimenti duri, comune ormai per tutti i modelli), C (per l’efficienza sui tappeti, ottimo valore ma ben lontano da una A, che alcuni competitor invece ottengono), A (per i consumi). Quindi AACA. Lo so, sottigliezze.

Potenza buona, non eccezionale. Peli di animali non pervenuti (non che faccia un lavoro disastroso, ma sarebbe meglio comprare una spazzola a parte).


Anonimo Lato B.

Consumi e Rumorosità


Già parlato dei consumi, dove questo Electrolux si becca una A. Non ci importa più di tanto dato che le spese in energia elettrica non sono comunque rilevanti rispetto alla variazione in consumi (cioè usare un aspirapolvere da 700 o 1500W vi cambierà al massimo pochi euro in bolletta, annualmente).

Rumorosità nella media. Peccato perché la spazzola AeroPro Silent mi aveva fatto ben sperare. Siamo sui 75dB. C’è di meglio.


Prezzo e Conclusioni


Ad un prezzo di mercato di circa 250€, questo Electrolux dà pochi motivi per vendersi, anzi, uno: la spazzola snodabile. Se non vi interessa, puntate su altro. Ciò non è dovuto tanto a veri e propri difetti, quanto a “cose che avrebbe potuto fare meglio” (in inglese si usa il termine “shortcomings”, molto più figo).

Tutte queste cose sarebbero state ok a 150€, ma a 100€ in più io mi aspetto che un aspirapolvere brilli in più di un campo.

Alla prossima.



PRO

    • Buon raggio d’azione
      • Spazzola FlexPro
      CONTRO

        • Non compatto

        Voto Finale

        6

        Condividi questo post!